Il Congresso ha bisogno di consulenza scientifica e tecnologica

Uno degli aspetti più importanti delle audizioni di Facebook è stato l’ovvio divario nella competenza tecnica in mostra da molti membri del Congresso. Ciò ha reso difficile per molti osservatori, me compreso, tracciare una linea di vista verso una legislazione razionale e necessaria sulla protezione dei dati. Sebbene sia irragionevole aspettarsi che i nostri responsabili politici siano esperti in tutti i settori che prendono in considerazione, esiste chiaramente un vuoto sostanziale nell’alfabetizzazione tecnica che deve essere colmato al Congresso affinché il nostro governo possa legiferare efficacemente.

La scienza e la tecnologia sono alla base di molte delle questioni più importanti che la società deve affrontare oggi e, quindi, molte delle decisioni legislative più critiche prima del Congresso. I legislatori dovrebbero considerare le migliori prove che circondano la questione che stanno legiferando e comprendere adeguatamente le implicazioni tecniche delle loro decisioni. Questo non è affatto un problema partigiano; va al centro della nostra democrazia.

Siamo stati qui prima. Nel 1972, il Congresso istituì l’Office of Technology Assessment (OTA) per fornire ai suoi membri un’analisi obiettiva e autorevole delle questioni scientifiche e tecnologiche del giorno – inquinamento, energia nucleare, pesticidi, ecc. La legislazione che istituiva notava che, come tecnologia continua a cambiare ed espandersi rapidamente, le sue applicazioni sono (1) di grandi dimensioni e in scala crescente; e (2) sempre più ampio, pervasivo e critico nel loro impatto, benefico e sfavorevole, sull’ambiente naturale e sociale. Pertanto, è essenziale che, nella massima misura possibile, le conseguenze delle applicazioni tecnologiche siano anticipate, comprese e considerate nella determinazione delle politiche pubbliche sui problemi nazionali esistenti ed emergenti “.

L’OTA è stata chiusa nel 1995 in quella che apparentemente era una misura di riduzione dei costi di Newt Gingrich. La mossa è stata criticata da entrambe le parti. Il rappresentante repubblicano Amo Houghton ha dichiarato all’epoca che “stiamo tagliando una delle armi più importanti del Congresso quando interrompiamo la conoscenza imparziale della scienza e della tecnologia”. Nella sua sconfitta proposta di ripristinare l’OTA anni dopo, il rappresentante democratico Rush Holt ha osservato che, “quando OTA ha chiuso, gli argomenti tecnologici non sono diventati meno rilevanti per il lavoro del Congresso. Sono appena diventati meno compresi. E il pensiero scientifico ha perso la testa su Capitol Hill, con conseguenze preoccupanti per il modo in cui il Congresso affronta tutte le questioni, non solo quelle esplicitamente scientifiche. ”

In questo momento cruciale per la democrazia negli Stati Uniti – dove i “fatti” non sono più quelli di una volta – e con un’agenda di politica scientifica e tecnologica sempre più complessa prima del Congresso, Paul Ryan dovrebbe istituire un nuovo apparato consultivo nuovo, moderno e non partigiano ciò consente all’America di guidare in materia di scienza, tecnologia e società come guida nella scienza e nella tecnologia.

Considera di firmare e condividere questa nuova petizione: https://www.change.org/p/paul-ryan-restore-science-tech-advice-to-government